Rimaniamo in contatto, seguimi su:

Alfie Evans: un problema di cultura e di mentalità, prima che di diritto

AvvenireDopo le tristi vicende di Charlie Gard e di Isaiah Haastrup, si è consumata nei giorni scorsi quella di Alfie Evans. Secondo un percorso non dissimile dai precedenti, l’autorità giudiziaria britannica, su richiesta dell’ospedale presso il quale il piccolo era ricoverato a causa di una grave e sconosciuta patologia neurodegenerativa, ha deciso che il miglior interesse del bambino di 23 mesi risiedesse nell’interruzione dei trattamenti di sostegno vitale e nell’accompagnamento verso la morte, nonostante la volontà contraria dei genitori. Ce ne parla Renato Balduzzi nella rubrica Pane e giustizia in edicola oggi su Avvenire, riflettendo sugli aspetti giuridici, e prima ancora culturali, di un caso che ha provocato sconcerto in una larga parte dell’opinione pubblica.

Per leggere il testo dell’articolo, clicca sul seguente link: Pane e giustizia – 3 maggio 2018.

Scrivi un tuo commento.

*